Biblioteca di Abel Wakaam

N° 101 romanzi .:. Avventura Erotico Fantasy

Dirty Dreams, sogni fuori da ogni controllo.Dirty Dreams, sogni fuori da ogni controllo.
Genere: erotico
I sogni sono lo specchio dell'anima, i sogni sono liberi, i sogni sono il filo invisibile che ci lega ad una realtÓ equidistante dove vorremmo ritrovarci da soli per non incorrere nel giudizio degli altri. I sogni sono senza limiti e senza confini, i sogni sono i peccati mai commessi... quelli a cui ci aggrappiamo disperati quando tutto intorno a noi sembra non avere pi¨ un senso. Chi di noi non ha mai sognato qualcosa di scabroso o indicibile e poi si Ŕ cullato nel desiderio di realizzarlo senza darsi un tempo nÚ una meta? Non Ŕ dei nostri sogni che dobbiamo aver paura, ma della voglia di tramutarli in realtÓ!
Inferno, le ombre oscure della rete.Inferno, le ombre oscure della rete.
Genere: erotico
"L'inferno si nasconde dentro di noi e resta latente per tutto il tempo necessario a comprendere le nostre debolezze. Quando il suo fuoco si scatena, non abbiamo pi¨ la forza di resistere e ci lasciamo indurre in tentazioni che mai avremmo voluto provare." Questo libro riporta le confessioni di chi si Ŕ lasciato rubare l'anima nella ricerca perversa del piacere estremo. I protagonisti di queste storie hanno deciso di restare nell'ombra, pur affidando alla mia penna la loro voglia di raccontarsi. A loro va il mio ringraziamento per aver reso possibile la realizzazione di quest'opera.
Passion, legati dal fuoco della passione.Passion, legati dal fuoco della passione.
Genere: erotico
Sofia si guardava intorno con stupore. Il lungo viale che portava al maniero era ammantato dei colori caldi dell'autunno, il rosso ed il viola dei liquidambar in contrasto coi gialli vivi degli aceri di monte, disposti in una lunga fila ordinata attorno alla collina. Si volt˛ soltanto una volta per scrutare l'orizzonte nebbioso della campagna circostante. Sollev˛ il collo del cappotto nero, strinse le spalle per contrastare quel brivido invadente che ti coglie quando sei solo e continu˛ a camminare sul ghiaietto bagnato che scricchiolava sotto le suole degli stivali.
Encanto, il fiore delle due ombreEncanto, il fiore delle due ombre
Genere: avventura
La prima volta che vidi quei piccoli cilindri lucidi e rossastri portavo ancora i calzoni corti. Era una tiepida mattina di Maggio quando imboccai la breve discesa che portava al Castrum, un respiro di sollievo dopo quel lento risalire che mi aveva condotto fin sulla cima della collina. Un'inevitabile sosta all'unica fontana dei dintorni per rifornire la borraccia d'alluminio ricoperta di lana grigioverde, e poi di corsa oltre gli antichi piloni del ponte levatoio per raggiungere la torre di guardia. Anche allora amavo isolarmi dal mondo per descrivere sulla carta l'immaginario esaltante dei miei pensieri, per molti ero soltanto un ragazzo dal carattere schivo, io invece cercavo da sempre il filo invisibile che unisce la terra ai sogni. La torre del Seprium m'ispirava... guardavo la grande vallata attraverso la stretta fessura del suo spioncino ed il mondo mi appariva sotto una diversa luce, un misto di magia e ricordi ancestrali.
Indietro Avanti
Home
Profilo
Biblioteca
Riflessioni
Biografia
Interviste
Adventure
@Contatti
Privacy
Biblioteca di Abel Wakaam